• Trovati 37 titoli ordinati per 
  • Switch Thumb
  1. VERHEISSENES LAND

    di OBAMA BARACK Pubblicato da PENGUIN € 44,40

    Verifica disponibilità
  2. FUTURO E' IL POSTO MIGLIORE. IL 44° PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI D'AMERICA IN PA

    di OBAMA BARACK Pubblicato da RIZZOLI Data Pubblicazione 1-2017 € 17,00

    Il 9 novembre 2016 Donald J. Trump è stato eletto Presidente degli Stati Uniti d'America e si è chiusa l'era di Barack Obama che da gennaio 2017, dopo due mandati, è ufficialmente "in pensione". Hillary Clinton, la candidata democratica della continuità, da lui appoggiata e sostenuta, non ha saputo rinnovare negli elettori quell'entusiasmo che lo aveva portato al trionfo nel 2008, e poi ancora nel 2012. La sconfitta è stata uno shock per molti, e lui per primo non ha nascosto la sua delusione. Ma cosa accadrà ora? Di certo, il primo afroamericano a raggiungere la carica presidenziale, l'uomo che più di ogni altro ha influenzato la politica mondiale dell'ultimo decennio non scomparirà nel nulla, ma continuerà a perseguire il suo progetto e la sua visione del futuro: dai diritti civili all'economia, dalla tutela delle minoranze all'affermazione degli Stati Uniti come potenza di riferimento nel pianeta. Ma soprattutto, come ha avuto modo di ribadire nei suoi numerosi interventi dopo le elezioni, continuerà a spronare giovani e meno giovani a impegnarsi per migliorare il mondo, rinnovando il suo messaggio di ottimismo e perseveranza. In questo libro in occasione dell'inizio della sua "nuova vita" sono raccolti dalla sua viva voce i principali contributi del suo percorso e un invito a tutti gli sconfitti a non mollare. Perché "ora è il tempo migliore per essere vivi".

    Verifica disponibilità
  3. RENEGADES

    di OBAMA BARACK SPRINGSTEEN BRUCE Pubblicato da PENGUIN € 47,60

    Verifica disponibilità
  4. SI PUO' FARE

    di OBAMA BARACK; ROGAK L. (CUR.) Pubblicato da CASINI Data Pubblicazione 10-2008 € 12,90

    Sin dal suo discorso nel 2004 alla Convention Nazionale del Partito Democratico, Barack Ohama è stato acclamato come il volto nuovo non solo dei Democratici, ma dell'intera classe politica americana. In questo libro il favorito alla Presidenza degli Stati Uniti affronta temi di grande interesse, non solo a livello nazionale: aborto, religione, AIDS, politica estera, Iraq, la Guerra al Terrorismo, disoccupazione, unioni civili. Un volume per capire non soltanto le elezioni presidenziali, ma soprattutto l'America del "dopo-Bush". Il volume è introdotto da uno scritto di Walter Veltroni.

    Verifica disponibilità
  5. RACCOLTA DEI DISCORSI DI OBAMA

    di OBAMA BARACK Pubblicato da COOPER Data Pubblicazione 1-1999 € 15,00

    Verifica disponibilità
  6. YES, WE CAN. IL NUOVO SOGNO AMERICANO

    di OBAMA BARACK Pubblicato da DONZELLI Data Pubblicazione 9-2008 € 14,00

    Barack Obama rappresenta, non solo politicamente, l’America del cambiamento. Ogni volta che gli Stati Uniti si trovano di fronte a una situazione che mette in discussione il loro ruolo storico nel mondo contemporaneo, si ripropone per gli americani la questione: che cosa legittima la nostra aspirazione a porci alla guida del mondo? A questa domanda vi sono due modi di rispondere. Il primo cerca le ragioni nel passato, nell’o-rgogliosa rivendicazione di un modello. Il secondo cerca le ragioni nel futuro, nell’in-di-viduazione dei nuovi scenari possibili, nel cambiamento. È l’America della frontiera, l’Ame-rica di Truman, di Roosevelt, di Kennedy, quella che ciclicamente si ripresenta, e che trova in Obama oggi il suo nuovo, consapevole banditore. L’America non è stata mai così a rischio e impaurita come dopo l’11 settembre. Mai co-sì in crisi è apparsa la sua capacità «convenzionale» di dominare i conflitti, di fronte a un nemico, come il terrorismo, del tutto «non-convenzionale». Mai come oggi si sono rivelate fragili la forza propulsiva del suo sistema economico, la sua sicurezza energetica, la sua capacità di aggregazione del melting-pot etnico, linguistico, religioso che la costituisce. La risposta di Barack Obama alla crisi a-me-ricana non consiste – come superficialmente è portata a pensare larga parte del-l’o-pinione pubblica «progressista» nostrana – in una sorta di pacifismo arrendevole, o di solidarismo «buonista», o di anticapitalismo intento a sminuire la forza della competizione e del mercato. Obama è un candidato nero, ma non è il candidato dei neri. Si oppone alla guerra in Iraq (e lo ha fatto fin dal primo momento), ma vuole aumentare la forza e la qualità dell’apparato militare del suo paese. Vuole chiudere Guantanamo, ripristinare la legalità interna e internazionale, chiama al rispetto dei diritti civili, ma sostiene tutto ciò per poter condurre con maggiore forza e determinazione la lotta mortale contro il terrorismo fondamentalista. Si batte – primo tra i leader ame-ricani di ogni tempo – per una nuova sensibilità ambientale su scala mondiale, ma è attento all’in-novazione tecnologica, allo sviluppo, alla cre-scita. E ancora, Obama porta nel cuore della politica americana una motivazione, uno spirito, un afflato che sono profondamente religiosi, ma sa essere assolutamente laico nel di-segnare, su temi come l’abor-to, il controllo del-la natalità, l’etica della vita, gli scenari di un nuovo pluralismo e di una nuova tolleranza. So-prattutto, Oba--ma non promette il cambia-mento. Al contrario, lo sollecita, lo chiede agli americani. E al tempo stesso, lo «certifica», lo rende possibile: «Yes, we can». Solo attraverso questa assunzione collettiva di responsabilità l’America potrà essere credibile nel chiedere lo stesso cambiamento al mondo intero. Qualunque sia l’esito elettorale, Obama ha già ottenuto di schierare, di mettere in campo l’America del cambiamento. Nelle parole del giovane leader, è un mondo nuovo e diverso che pr

    Verifica disponibilità
  7. BARACK OBAMA. SI PUO' FARE

    di OBAMA BARACK; ROCIAK LISA Pubblicato da CASINI Data Pubblicazione 5-2008 € 9,90

    Verifica disponibilità
  8. SULLA RAZZA. TESTO INGLESE A FRONTE

    di OBAMA BARACK Pubblicato da RIZZOLI Data Pubblicazione 9-2008 € 10,50

    "In nessun altro Paese della terra sarebbe possibile una storia come la mia". Nel suo ormai celebre discorso "sulla razza" del 18 marzo 2008 a Filadelfia, Barack Obama ha risposto a chi lo aveva accusato di disprezzare i bianchi e a chi si opponeva alla candidatura di un afroamericano alla Casa Bianca. Diffidenza e ostilità separano ancora i popoli, ha detto, e spesso assumono la forma di un odio violento; ma un futuro di convivenza è possibile. Il suo discorso appassionatamente politico e umano è stato paragonato alla fondamentale lezione con cui nel 1859 Lincoln, all'epoca non ancora presidente, si oppose all'estensione della schiavitù nei nuovi territori, iniziando così il cammino verso la liberazione dei neri. A distanza di centocinquant'anni, sostiene Obama, l'America deve ritrovare gli stessi principi e le stesse speranze e portare a compimento quell'integrazione che tutti auspicano e nessuno, finora, ha saputo realizzare. Le sue parole risuonano come un avvertimento per tutto l'Occidente in crisi, assediato da razzismi e paure, bisognoso di ritrovare il grande ideale della solidarietà e dell'uguaglianza.

    Verifica disponibilità
  9. PROMESSA AMERICANA. DISCORSI PER LA PRESIDENZA (LA)

    di OBAMA BARACK Pubblicato da DONZELLI Data Pubblicazione 8-2008 € 15,00

    Dalla candidatura alla nomination di Denver, le idee, le proposte, i programmi dell'uomo del cambiamento. La lettura dei discorsi di Barack Obama per la presidenza degli Stati Uniti rafforza la sensazione che egli incarni la più significativa novità politica su scala mondiale in questo nostro tempo. Non si tratta solo di un nuovo linguaggio, di un differente stile comunicativo, di un uso potente e originale della parola, veicolato in modo da costruire una sempre più solida e larga comunità virtuale. Il popolo di Obama mostra e scopre una nuova qualità dell'attivismo politico, ai tempi di internet; offre un modello di democrazia partecipativa che è già di per sé un antidoto contro gli scetticismi dei freddi analisti del mondo globalizzato. Né è soltanto la voglia di novità, di aria fresca, a erompere prepotentemente da questi discorsi, che mostrano un forte senso del rispetto personale anche nei confronti dei più acerrimi avversari. Certo, la percezione da cui parte Obama è che ci sia una larga opinione ormai convinta che l'America di George W. Bush abbia toccato il fondo. La novità di Obama non si può neppure racchiudere soltanto nel dato oggettivo della definitiva rottura del tabù razziale, cosa che pure, ancora una volta, rappresenterebbe un fatto straordinario. C'è qualcosa di nuovo, di ulteriore e di più grande. Il fulcro essenziale della novità di Obama sta nell'orgogliosa rivendicazione dell'idea di uguaglianza come fondamento della stessa pratica democratica.

    Verifica disponibilità
  10. MEGLIO DEVE ANCORA VENIRE. I DISCORSI DEL PRESIDENTE DAL PRIMO AL SECONDO MANDAT

    di OBAMA BARACK Pubblicato da DONZELLI Data Pubblicazione 4-2013 € 16,00

    Sono passati cinque anni da quando Barack Obama cominciò la sua battaglia per la conquista della Casa Bianca. La sua sfida di un rilancio del primato americano si presentava come una svolta radicale rispetto all'eredità della precedente amministrazione Bush. La battaglia elettorale si era conclusa con un trionfo che aveva sancito anche un cambio di stile, un'innovazione radicale nella comunicazione politica, la nascita di grandi aspettative di cambiamento. Il passaggio dalle promesse alla realtà in questi quattro anni di primo mandato ha rappresentato di certo una vicenda più difficile e controversa, segnata dai venti di una profonda crisi economica globale, dalle difficoltà del cambiamento interno, e dai ripiegamenti che ne sono seguiti. Questo libro raccoglie i discorsi più significativi del primo mandato, per arrivare al discorso di insediamento del secondo mandato nel gennaio 2013. Vi si troveranno l'annuncio della morte di Osama bin Laden, la difesa di una riforma sanitaria solo parzialmente riuscita, la rivendicazione del salvataggio della Chrysler grazie a un forte finanziamento pubblico, la lettura del fenomeno della "primavera araba" e le difficili scelte sullo scacchiere medio-orientale, fino al raggiungimento dell'accordo fiscale. La figura di Obama presidente si presenta con una sua peculiarità forte, con uno spessore che ne rende il ritratto forse meno oleografico, ma di certo sempre più centrale nello scenario della politica mondiale.

    Verifica disponibilità