• Trovati 2086 titoli ordinati per 
  • Switch Thumb
  1. PERSONALITA' NEVROTICA (LA)

    di SHAPIRO DAVID; RANCHETTI C. (CUR.) Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 3-1991 € 23,00

    Shapiro David La personalità nevrotica Collana «Programma di Psic.Psichiat.Psicoter» pp. 200, Euro 20,66 Isbn: 88-339-5474-9 Dopo Freud, sempre più si è fatta strada la tendenza a concepire la nevrosi come un disturbo dell'intera personalità. Che cosa vuol dire essere nevrotici? Essere in conflitto con sé stessi; avere reazioni che appaiono «strane» (come nel caso delle fobie), misteriosamente in contrasto con il proprio giudizio e il proprio buonsenso; sentirsi costretti a rispettare determinati rituali, o soggiacere a impulsi irresistibili; la sensazione di vivere la propria vita non liberamente, ma come condizionati dalle aspettative di altri, oppure non avere alcuna idea su che cosa si vuole fare; la preoccupazione e il dubbio eccessivi, la scrupolosità, il rigido dogmatismo, le difficoltà nel rapporto con gli altri; un deteriorato senso della realtà. In psicoterapia - afferma Shapiro - non basta che il paziente giunga a conoscere l'esistenza e la storia del suo conflitto interiore. La soluzione del conflitto, la guarigione della nevrosi, è resa possibile da un'esperienza più intensa e poi da una formulazione conscia dei sentimenti e dei pensieri inespressi in esso coinvolti. Confermando le sue doti di sensibilità e comprensione e il suo straordinario acume clinico, l'autore ha fatto di questo volume un prezioso manuale di psicoterapia e insieme un'avvincente galleria di «casi» che illustrano e chiariscono processi molto diffusi non solo tra i « pazienti » ma in generale tra tutti gli esseri umani. David Shapiro, già psicoterapeuta a Los Angeles e docente di Psicoterapia presso la School of Social Welfare dell'UCLA, vive oggi nel Massachusetts e insegna Psicologia presso la New School for Social Research di New York. È noto al pubblico italiano per il volume "Stili nevrotici" (Astrolabio)

    Verifica disponibilità
  2. GENITORI PSICOTICI

    di FAVA VIZZIELLO GRAZIELLA; DISNAN GIUSEPPE; COLUCCI M. RITA Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 3-1991 € 20,66

    I «genitori psicotici» di cui si occupa questo libro sono i padri e le madri di bambini e adolescenti seguiti presso i servizi pubblici per problemi psichici di vario tipo. Gli autori individuano e descrivono un ventaglio di interazioni familiari disfunzionali (famiglie «barricate», «litigiose», «disorganizzate», «rigide» e «depresse») e all'interno di questa tipologia inseriscono le «storie» dei bambini e dei loro genitori, ognuna delle quali potrebbe costituire la trama di un avvincente romanzo. I risultati della ricerca (uno studio longitudinale che si è protratto per oltre un decennio) indicano che, mentre non esiste una correlazione diretta fra la gravità della malattia del genitore e le ripercussioni patogene nella relazione con il bambino, il riferimento alle modalità dell'interazione familiare permette di impostare ed esercitare con successo un'azione correttrice di alcuni percorsi psichici disastrosi dei figli. Graziella Fava Vizziello, neuropsichiatra e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, è professore di Psicopatologia dello sviluppo all'Università di Padova. È presidente della sezione italiana e vicepresidente europeo della AEPEA (Associazione Europea di Psicopatologia dell'Infanzia e dell'Adolescenza). È autrice di numerosi lavori tra i quali ricordiamo, nelle nostre edizioni, "Il bambino che regalò un arcobaleno" (1990, con Maria Bet e Graziella Sandonà) e "L'eccezione e la regola" (1994). Giuseppe Disnan è psicologo psicoterapeuta nel Servizio di Psicologia clinica della ASL di Trento. È professore a contratto nelle Università di Padova e di Verona. È membro del consiglio di amministrazione della AEPEA. Tra i suoi lavori ricordiamo Lo psicologo nella USL (Il Pensiero Scientifico, 1983, con Piera Franceschi e Francesco Reitano). Maria Rita Colucci è psicologa psicoterapeuta con formazione psicodinamica e lavora dal 1975 nel Servizio di Psicologia clinica per l'età evolutiva della ASL di Trento. Collabora con l'Università di Padova e con la Scuola di formazione CERP di Trento. È autrice di pubblicazioni attinenti al lavoro clinico con i bambini e con le istituzioni.

    Verifica disponibilità
  3. MITI DI CREAZIONE (I)

    di FRANZ MARIE-LOUISE VON Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 10-1989 € 24,00

    Franz Marie-Louise von I miti di creazione ISBN 88-339-0500-4 Collana «Saggi. Psicologia» Prezzo ? 23,66 Poiché l'origine della natura e della vita umana è avvolta nel mistero, l'inconscio ha prodotto numerosi e svariati modelli di questo evento: i miti di creazione, nelle diverse culture, si caratterizzano per una certa solennità, quasi a comunicare che le vicende narrate riguardano, più che in altri miti, i problemi più fondamentali e i significati definitivi non solo della nostra esistenza, ma dell'esistenza dell'intero cosmo. Marie-Louise von Franz ne chiarisce il significato e ne rivela l'attualità illustrandoli per mezzo di sogni tratti dalla sua pratica clinica. Scopriamo così come alcuni elementi dei miti di creazione appaiano nei sogni, soprattutto allorché una crisi psichica o un turbamento interiore rendono necessario un rinnovamento, o un'opera creativa sta per emergere. Come negli altri lavori della von Franz, è nel costante riferimento a Jung che l'autrice ci presenta il proprio pensiero originale e mette in luce i legami, di natura archetipica, che esistono tra il vecchio e il nuovo. Marie-Louise von Franz è stata allieva e collaboratrice di Jung ed è oggi una delle personalità di maggiore spicco dello junghismo internazionale.

    Verifica disponibilità
  4. FIABE INTERPRETATE (LE)

    di FRANZ MARIE-LOUISE VON Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 10-1980 € 24,00

    Ha scritto Jung che le fiabe consentono di studiare meglio l'anatomia comparata della psiche: esse sono infatti l'espressione pi? pura dei processi psichici dell'inconscio collettivo, e rappresentano gli archetipi in forma semplice e concisa. Marie-Louise von Franz utilizza in questo volume l'approccio della psicologia analitica nel tentativo di rendere accessibili all'uomo moderno le esperienze di vita che sono contenute nelle fiabe. Per esemplificare la sua proposta di lettura, la von Franz studia inizialmente un testo dei Grimm, "Le tre piume", il cui motivo dominante sta nel difficile riconoscimento dell'elemento femminile, per poi passare ad altre fiabe di vari paesi in cui si ritrovano temi che, trasposti nelle categorie junghiane, rivelano la loro ricchezza e consentono riferimenti illuminanti. In queste pagine, scritte con ammirevole chiarezza, lo stesso simbolismo degli animali, degli oggetti, dei gesti e dei numeri trova non una spiegazione meccanica, ma una carica di significati capaci di parlare alla nostra sensibilit?. ¥ Marie-Louise von Franz (1915-1998), allieva e collaboratrice di Jung, ? stata una delle figure di maggior spicco dello junghismo internazionale.

    Verifica disponibilità
  5. PSICOTERAPIA INTERPERSONALE DELLA DEPRESSIONE

    di KLERMAN GERALD L.; WEISSMAN MYRNA M.; ROUNSAVILLE BRUCE; BERTI CERONI (CUR.) Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 9-1989 € 34,00

    «Psicoterapia interpersonale della depressione= è il nome di un metodo strutturato di trattamento psicologico breve indicato per pazienti psichiatrici ambulatoriali a cui sia applicabile la diagnosi di depressione maggiore. Gli autori non escludono il ruolo di fattori genetici, biologici o legati allo sviluppo e alla personalità del paziente nel determinare la vulnerabilità alla depressione, ma pongono l'accento soprattutto sui problemi esistenti nelle relazioni del soggetto con le persone che gli sono vicine nella vita quotidiana. La depressione insorge in un contesto interpersonale e gli interventi psicoterapeutici che ne tengono conto facilitano la risoluzione degli episodi depressivi acuti, e aiutano il paziente a mettere in atto adeguate strategie preventive rispetto al rischio di ricadute. Dopo un capitolo introduttivo, che opera un confronto con le psicoterapie di diversa impostazione, la prima parte del volume tratta alcune questioni teoriche: la natura della depressione; la differenza tra la depressione come reazione normale e la depressione clinica; l'impostazione interpersonale nel trattamento della depressione maggiore e nello studio dei rapporti affettivi in genere, che ha le sue basi nell'opera di Sullivan e di Bowlby. La seconda parte presenta le tecniche diagnostiche utilizzate dagli autori e una discussione critica del concetto di « psicoterapia di sostegno »; fornisce all'operatore indicazioni su come collegare il disturbo depressivo al contesto interpersonale del paziente; si sofferma inoltre sulle quattro principali aree problematiche legate alla depressione: il lutto, i malintesi nei rapporti interpersonali, i cambiamenti di ruolo richiesti dalle circostanze della vita, le difficoltà nell'instaurare relazioni con gli altri. I trattamenti combinati farmaco e psicoterapeutici, alcuni problemi pratici e infine il ruolo e la formazione dello psicoterapeuta sono gli argomenti della terza parte. Il libro è efficacemente illustrato da ampi resoconti clinici. In appendice è riprodotto integralmente il questionario della Scala di Hamilton per la valutazione dei sintomi depressivi. Gerald L. Klerman è professore di Psichiatria presso la Harvard University School of Medicine e dirige la ricerca psichiatrica al Massachusetts General Hospital. Myrna M. Weissman è professore di Psichiatria ed epidemiologia presso la Yale University School of Medicine, dove dirige il progetto di ricerca sulla depressione. Bruce J. Rounsaville, psichiatra, insegna alla Yale University School of Medicine e lavora al progetto di ricerca sulla depressione di cui Eve S. Chevron è coordinatrice.

    Verifica disponibilità
  6. TRATTATO DI TERAPIA PSICOANALITICA. VOL. 1: FONDAMENTI TEORICI.

    di THOMA HELMUT; KACHELE HORST Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 12-1990 € 56,81

    Verifica disponibilità
  7. GUIDA ALLA PSICOTERAPIA

    di LANGS ROBERT; TROMBI (CUR.) Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 2-1990 € 23,24

    Langs Robert Guida alla psicoterapia. Un'introduzione all'approccio comunicativo 88-339-5455-2 Collana «Programma di Psic.Psichiat.Psicoter» Prezzo ? 23,24 Basato sulla nota posizione di Langs riguardo alla decodifica dei messaggi «mascherati» che paziente e psicoterapeuta reciprocamente si indirizzano, il libro - che è arricchito da un'ampia documentazione clinica - presenta in modo sintetico una variante della psicoterapia psicoanalitica che l'autore definisce «approccio comunicativo ». Si tratta di una tecnica nuova, ma anche di una nuova concezione teorica, non solo del rapporto terapeutico, ma dei fondamenti dell'esperienza conscia e inconscia. In particolare, essa permette di meglio comprendere il funzionamento mentale nell'elaborazione dei messaggi ad alta intensità emotiva. Il libro è pertanto un agile e conciso manuale di tecnica, ma anche un testo innovativo che modifica sorprendentemente alcune nozioni tradizionali nella storia della psicoanalisi, soprattutto quelle relative al significato e al ruolo dell'angoscia di morte nella psicopatologia e nella psicoterapia, e al ruolo delle comunicazioni di tipo psicotico che si verificano da parte del terapeuta e del suo paziente non psicotico all'interno del loro rapporto. Ne risulta anche un chiarimento riguardo a un altro tema centrale nella riflessione di Langs, la funzione della «follia». Tra gli specifici argomenti trattati, segnaliamo: l'ascolto; gli interventi dello psicoterapeuta; le sedute iniziali; le diverse fasi della psicoterapia; le dimensioni del rapporto terapeutico, in relazione ai concetti di transfert e di controtransfert; il modello comunicativo della mente. Robert Langs lavora presso il Nathan S. Kline Institute for Psychiatric Research di Orangeburg ed è professore di Psichiatria alla Mount Sinai School of Medicine di New York. Psicoanalista di originaria formazione classica, ha condotto numerosi seminari clinici negli Stati Uniti e in Europa, e anche in diverse città d'Italia. Tra i suoi lavori ricordiamo, in questa collana, "La tecnica della psicoterapia psicoanalitica" e "Follia e cura".

    Verifica disponibilità
  8. MONDO INTERPERSONALE DEL BAMBINO (IL)

    di STERN DANIEL N. Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 5-1992 € 35,00

    Stern Daniel N. Il mondo interpersonale del bambino Presentazione di Massimo Ammaniti 88-339-5412-9 Collana «Programma di Psic.Psichiat.Psicoter» Prezzo ? 33,50 «Come si sviluppano i bambini, così devono svilupparsi le nostre teorie su di loro», afferma Stern a conclusione di questo libro, in cui il "senso del Sé" viene proposto come punto di partenza per l'indagine sull'esperienza soggettiva del bambino. L'osservazione diretta del bambino e delle sue interazioni con la madre permette di cogliere l'emergere (già alla nascita), la continuità e i cambiamenti dei primi sensi esistenziali del Sé; su di essi opereranno l'autoriflessione e infine il linguaggio, non solo mettendoli in luce ma anche trasformandoli in esperienze nuove, in una progressione evolutiva attraverso successivi «campi di relazione». Al «bambino clinico», ricostruito nel corso della terapia psicoanalitica in base a ricordi, riproduzioni - nel transfert - di esperienze passate, interpretazioni, Stern affianca dunque, come indispensabile riferimento, un «bambino osservato», le cui capacità possono essere agevolmente dimostrate. L'integrazione dei due costrutti (la collaborazione fra il «bambino osservato» e il «bambino clinico») apre la strada a una nuova comprensione dell'origine della psicopatologia e consente di completare, verificare scientificamente o mettere in discussione le tradizionali concezioni psicoanalitiche dello sviluppo infantile, da quella freudiana classica a quelle di Hartmann, Erikson, Margaret Mahler, Kohut. Daniel N. Stern è professore di psicologia all'Università di Ginevra e professore di psichiatria al Cornell University Medical Center di New York. Tra i suoi lavori, è apparso in questa collana "La costellazione materna. Il trattamento psicoterapeutico della coppia madre-bambino" (1995).

    Verifica disponibilità
  9. BAMBINO CHE REGALO' UN ARCOBALENO. FIABE PER UN COMPAGNO CON AUTISMO (IL)

    di FAVA VIZZIELLO GRAZIELLA; BET MARIA; SANDONA GRAZIELLA Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 5-1990 € 20,66

    Fava Vizziello Graziella, Bet Maria, Sandona Graziella Il bambino che regalò un arcobaleno. Fiabe per un compagno con autismo Collana Didattica. Proposte ed esperienze pp. 248 + XVI, Euro 20,66 Isbn: 88-339-0545-4 Da anni gli insegnanti osservano gli atteggiamenti dei loro scolari verso i compagni portatori di handicap. Da anni i neuropsichiatri sono chiamati a intervenire per proteggere i bambini da «incontri troppo ravvicinati» e da legami troppo stretti con i loro compagni problematici, o sono sollecitati dai genitori a far allontanare da una classe un bambino con handicap, perché i loro figli ne «copiano» i comportamenti bizzarri. Ma che cos'è questo pericolo di «contagio» che certe famiglie temono, e che troppo spesso viene spiegato semplicisticamente con la parola «pregiudizio»? In realtà, i bambini possono trarre vantaggio dalla presenza in classe di un compagno con problemi, oppure diventarne le vittime, se l'insegnante non ha gli strumenti per affrontare ciò che sta accadendo. Occorre saper individuare il bambino che va rispettato nel suo rifiuto, quello che va incoraggiato ad avvicinarsi, quello che va aiutato a prendere le distanze. Questo è il primo lavoro in cui si studiano i vissuti dei compagni di classe nei riguardi di un bambino portatore di un grave handicap come l'autismo. Lo studio è condotto attraverso l'analisi delle fiabe che i bambini hanno scritto sul loro compagno, e apre un vasto campo di ricerca sugli effetti del processo di integrazione. Graziella Fava Vizziello, neuropsichiatra infantile e psicoterapeuta di formazione psicoanalitica, è titolare dell'insegnamento di Psicopatologia generale e dell'età evolutiva presso il Corso di laurea in Psicologia dell'Università di Padova. Maria Bet è laureata in pedagogia e in psicologia e specializzata in educazione psicomotoria, e ha una formazione psicoanalitica. Graziella Sandonà, laureata in psicologia, ha una formazione psicoanalitica e lavora come insegnante elementare.

    Verifica disponibilità
  10. SAGGI SULL'ARTE, LA LETTERATURA E IL LINGUAGGIO

    di FREUD SIGMUND Pubblicato da BOLLATI BORINGHIERI Data Pubblicazione 5-1991 € 35,00

    Il volume raccoglie tutti gli scritti in cui il padre della psicoanalisi ha affrontato il problema della creazione artistica nelle sue varie forme. Leonardo, Doré, Shakespeare, Michelangelo, Goethe, Poe, Dostoevskij, Schnitzler: sono alcuni dei personaggi cui Freud ha dedicato saggi o semplici considerazioni di gusto che estendono i concetti e i metodi della psicoanalisi a settori diversi da quello medico-psicologico della sua applicazione originaria. Un carattere particolare riveste il saggio più lungo scritto da Freud in questo campo e dedicato alla Gradiva di Jensen (la novella è riportata integralmente nella seconda parte del volume assieme a un commento di Cesare L. Musatti), che inaugurò quella vasta produzione scientifica che va sotto il nome di «psicoanalisi dell'arte». A ogni pagina Freud stesso si fa scrupolo di chiarire taluni nodi concettuali decisivi, e quelle doti di scrittore che lo collocano fra i classici della letteratura tedesca schiudono queste pagine anche a una lettura non specializzata.

    Verifica disponibilità