• Trovati 18 titoli ordinati per 
  • Switch Thumb
  1. SEMINARIO. LIBRO IV. LA RELAZIONE D'OGGETTO (1956-1957) (IL)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 1-1997 € 27,89

    Il quarto seminario di Lacan tocca un tema cruciale nell'evoluzione del pensiero psicoanalitico: la relazione d'oggetto, cioè la relazione che si stabilisce tra il soggetto e l'Altro.

    Verifica disponibilità
  2. MITO INDIVIDUALE DEL NEVROTICO E ALTRI SAGGI (IL)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da ASTROLABIO UBALDINI Data Pubblicazione 4-1986 € 15,00

    Jacques Lacan rimane, fra tutti i seguaci di Freud, un personaggio discusso. Per alcuni è l'interprete autorevole del testo freudiano, il tenace difensore dell'etica della psicoanalisi, il geniale operatore del transfert nella pratica clinica. Per altri, Lacan è il riduttore della teoria analitica alla linguistica, l'innovatore senza scrupoli della tecnica freudiana, l'analista selvaggio per eccellenza. Al contrario di Freud, Lacan non si presta a facili letture. Ma questo non implica che debba prestarsi solo a letture approssimative e rapsodiche come quelle che abbiamo visto sorgere un po' dovunque. Tale è la scommessa di questo libro: sottrarre Lacan alle facili (e spesso mistificatorie) suggestioni culturali che se ne sono fatte una bandiera, e collocarlo, e quindi comprenderlo, come psicoanalista. I mezzi con cui questo libro cerca di raggiungere il suo scopo sono fondamentalmente due: 1) presentare le idee chiave di Lacan ("l'inconscio strutturato come un linguaggio", "l'uomo è un soggetto diviso", eccetera) nel contesto in cui sono sorte e per la prima volta sono state introdotte. 2) Comprendere tali idee nell'ambito che ad esse compete, dal quale sono sorte e per il quale sono state pensate: la teoria e la clinica psicoanalitica. Con ciò sono già giustificate, a un tempo, la scelta dei testi lacaniani qui presentati e la funzione dei saggi che li accompagnano.

    Verifica disponibilità
  3. SEMINARIO. LIBRO XVII. IL ROVESCIO DELLA PSICOANALISI (1969-1970) (IL)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 5-2001 € 25,00

    Lacan tenne il seminario dal titolo "Il rovescio della psicanalisi" - il diciassettesimo del suo insegnamento - nell'anno accademico 1969-1970. I fatti del maggio '68 non esulano dalla tematica del seminario né per le implicazioni concrete, nè soprattutto perchè Lacan vi sviluppa una teoria del potere che ha il suo fulcro nel "discorso del padrone", esatto rovescio del discorso della psicoanalisi. Il discorso del padrone, infatti, è incentrato sul potere del significante, mentre nel discorso della psicoanalisi il potere non è accordato al significante ma a ciò che lo causa. "Il rovescio della psicoanalisi" è dunque un seminario critico nei confronti di Freud.

    Verifica disponibilità
  4. SEMINARIO. LIBRO VIII. IL TRANSFERT (1960-1961) (IL)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 10-2008 € 34,00

    ISBN: 9788806193836 - A cura di Jacques Alain Miller, Antonio Di Ciaccia. Il transfert è vero amore? Sí. Eppure la situazione che mette in relazione l'analizzante e l'analista è la piú falsa che ci sia. Freud, scoprendo la potenza del transfert, ha tuttavia deciso di servire l'amore che gli è connesso, di servirlo per servirsene. A quale scopo? Per un unico scopo: affinché l'analizzante si schiuda alla dimensione del desiderio. Per illustrare ciò Lacan si appoggia al Simposio di Platone, offrendone un commento inedito e puntuale. Socrate è la prima figura dell'analista: è il desiderante a oltranza ma è anche colui che si sottrae quando si tratta di mostrarsi nella posizione del desiderato. E infatti, pur racchiudendo per Alcibiade l'oggetto agalmatico, Socrate afferma perentoriamente di non essere niente. In questo seminario Lacan delinea quella funzione di motore della cura analitica che egli chiama il desiderio dell'analista. Riprendendo infine il rapporto tra tragedia e desiderio inconscio, illustra come questo si delinei nell'arco di tre generazioni dando voce ai personaggi della trilogia dei Coûfontaine di Paul Claudel.

    Verifica disponibilità
  5. SEMINARIO. LIBRO XI. I QUATTRO CONCETTI FONDAMENTALI DELLA PSICOANALISI (1964)(I

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 6-2003 € 28,00

    Il volume, qui presentato in seconda edizione e una nuova traduzione, contiene il seminario pronunciato da Lacan nel 1964 che segna una svolta fondamentale nel suo insegnamento. à infatti il momento della rottura con l'Associazione internazionale freudiana e della fondazione della sua Scuola, l'àcole freudienne de Paris.

    Verifica disponibilità
  6. SEMINARIO. LIBRO V. LE FORMAZIONI DELL'INCONSCIO 1957-1958 (IL)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 9-2004 € 35,00

    Un seminario in cui Lacan persegue l'avanzamento teorico e clinico della grande lezione di Freud con stile brillante e antisistematico. Il periodo compreso fra il 1957 e il 1958 è di cruciale importanza per la ricerca psicoanalitica di Lacan: sono gli anni in cui trasforma l'Edipo freudiano in una metafora e il fallo in significato e in cui si definiscono i suoi studi sulla psicosi e sulla direzione della cura. In costante dialogo con le sue amicizie intellettuali - da Jackobson a Lévi-Strauss, a Queneau - prende in giro Fran?ßois Dolto, commenta un libro di Leiris, racconta a modo suo "Il balcone" di Genet, fa riferimenti alla politica francese o ai classici come Aristofane e Molière, tratteggia una serie di ritratti dei casi di nevrosi.

    Verifica disponibilità
  7. COMPLESSI FAMILIARI NELLA FORMAZIONE DELL'INDIVIDUO(I)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 2-2005 € 18,00

    ISBN: 880617357X - I complessi familiari nella formazione dell'individuo è un importante articolo scritto nel 1938 da Lacan per l'Encyclopédie fran?aise, e che viene per la prima volta proposto nella sua interezza al pubblico italiano. Lacan affronta il tema della famiglia inserendola non già nell'ordine della natura ma nell'ordine della cultura: il versante sociale prende il posto di quello che sarà il simbolico. Lo sviluppo psichico del bambino comprende tre scansioni: lo svezzamento, in cui è colta la funzione fondamentale della madre; l'intrusione, in cui è colta la funzione del proprio simile; e infine l'Edipo, che ha come perno la funzione paterna. Nella seconda parte Lacan offre un breve compendio della clinica freudiana sulla famiglia per quanto riguarda le nevrosi e le psicosi. Il volume comprende una postfazione di Jacques-Alain Miller, che commenta e offre delle linee di lettura del testo lacaniano.

    Verifica disponibilità
  8. SEMINARIO. LIBRO II. L'IO NELLA TEORIA DI FREUD E NELLA TECNICA DELLA PSICANALIS

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 6-2006 € 22,00

    ISBN 8806184342 - "L'io nella teoria di Freud e nella tecnica della psicoanalisi" è un seminario che Lacan tenne un anno dopo aver iniziato, a Roma, nel 1953, quello che chiamerà «il mio insegnamento». Come in tutta la prima serie dei suoi Seminari, e cioè praticamente fino al 1964, Lacan si dedica alla rilettura del testo freudiano. Lo strumento che Lacan utilizza è la triade composta da immaginario, simbolico e reale. Per esempio, in questo Seminario, Lacan indica chiaramente che non è la stessa cosa, e nella pratica clinica non si hanno gli stessi effetti, quando l'io è considerato sul suo versante immaginario e quando lo è sul suo versante simbolico o ancora sul suo versante reale. Lacan distingue quindi l'io in quanto costruzione immaginaria, che ha valore di oggetto, dall'io in quanto soggetto che è una funzione simbolica. Parallelamente, l'inconscio non è una formazione immaginaria ma è una struttura simbolica, che Lacan sintetizza nell'aforisma «l'inconscio è strutturato come un linguaggio».

    Verifica disponibilità
  9. SEMINARIO. LIBRO XXIII. IL SINTHOMO 1975-1976. TESTO STABILITO DA JACQUES-ALAIN

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da ASTROLABIO UBALDINI Data Pubblicazione 7-2006 € 21,00

    ISBN: 8834014936 - Questo volume presenta il testo del Seminario XXIII, tenuto nel 1975-1976 e redatto come tutti i Seminari di Lacan da Jacques-Alain Miller. Fin dagli inizi del suo insegnamento, Lacan tentò di rendere conto della scoperta di Freud: l?inconscio. Che vuol dire l?inconscio freudiano secondo Lacan? Vuol dire che c?è un sapere che funziona e che agita un soggetto sebbene egli non ne sappia nulla. Le formazioni dell?inconscio, come i sogni, i lapsus, gli atti mancati e i sintomi stessi, mettono in luce un pensiero funzionante secondo una logica che rivela un desiderio erratico, spesso inconfessato e inconfessabile. Inconscio, appunto. Lacan si volgeva verso i linguisti, gli strutturalisti, i letterati, i poeti e via di seguito perché potessero offrire degli strumenti per chiarire ed esemplificare questo strano funzionamento che egli sintetizzò nell?aforisma: l?inconscio è strutturato ?come? un linguaggio. Con la pubblicazione in italiano di questo Seminario, tenuto nel 1975-1976 e redatto come tutti i Seminari di Lacan da Jacques-Alain Miller, si inaugura una nuova serie in cui vedranno la luce tutti i seminari di Lacan che contengono lo sviluppo finale del suo pensiero, quelli dal XXI in poi.

    Verifica disponibilità
  10. SEMINARIO. LIBRO X. L'ANGOSCIA 1962-1963 (IL)

    di LACAN JACQUES; DI CIACCIA A. (CUR.) Pubblicato da EINAUDI Data Pubblicazione 3-2007 € 28,00

    ISBN: 8806180290 - Il problema dell'angoscia viene affrontato da Lacan da un'angolatura particolare, e cioè dal suo aspetto positivo. In questo ha dei precursori in filosofi come Kierkegaard, Heidegger e Sartre, che hanno visto nell'angoscia il concetto capace di aprire alla riflessione soggettiva, ma soprattutto Freud, che le assegna la funzione di causare la rimozione dando avvio alla formazione del sintomo. Lacan accentua la positività dell'angoscia in quanto via privilegiata per accedere al reale, la via che porta al di là del significante, a cogliere quel «resto» che egli chiama oggetto a. Oggetto essenziale, poiché non è l'oggetto desiderato, ma è l'oggetto che, invece, causa il desiderio. In questo seminario si delinea una nuova lettura della sessualità maschile e di quella femminile.

    Verifica disponibilità