• Trovati 2 titoli ordinati per 
  • Switch Thumb
  1. UOMO CHE VIDE L'INFINITO (L')

    di KANIGEL ROBERT Pubblicato da RIZZOLI Data Pubblicazione 6-2016 € 20,00

    Nel 1913 Godfrey Hardy, il più grande matematico inglese dell'epoca, ricevette la lettera di uno sconosciuto che scriveva dall'India per sottoporgli alcune sue idee sui numeri. L'autore era un impiegato della Corte dei Conti a Madras, Srinivasa Ramanujan Iyengar, che aveva studiato praticamente da autodidatta e dichiarava di dovere le sue intuizioni alla dea Namagiri, protettrice della sua famiglia. Hardy si rese subito conto che la lettera era opera di un genio e organizzò il viaggio di Ramanujan da Madras a Cambridge: ebbero così inizio un'amicizia e una collaborazione tra le più singolari nella storia della scienza. Il giovane indiano, sotto la guida di Hardy, concepì una formidabile cascata di teoremi e congetture che sbalordirono il mondo scientifico e che avrebbero avuto sorprendenti applicazioni, a decenni di distanza, in settori come la chimica e l'informatica. Ma la sua non fu solo una vicenda di trionfi e grandezza: se Cambridge permise a Ramanujan di coltivare serenamente la sua vocazione, l'incontro con la gelida Europa di inizio secolo fu anche causa di uno spaesamento affettivo e intellettuale che ebbe un prezzo assai caro. L'appassionata biografia di Robert Kanigel racconta una delle grandi menti matematiche del Ventesimo secolo, ma ci fa anche riflettere sulla complicata relazione fra Oriente e Occidente, e sulle vie imprevedibili dell'intelligenza, della creatività, dell'intuizione.

    Verifica disponibilità
  2. UOMO CHE VIDE L'INFINITO. LA VITA BREVE DI SRINIVASA RAMANUJAN, GENIO DELLA MATE

    di KANIGEL ROBERT Pubblicato da RIZZOLI Data Pubblicazione 2-2003 € 19,00

    Nel 1913, un impiegato indiano di 25 anni, Srinivasa Ramanujan, scrisse a G. H. Hardy, il più grande matematico inglese dell'epoca, per sottoporgli alcune sue idee sui numeri. Hardy si rese subito conto che la lettera era opera di un genio, organizzò il viaggio di Ramanujan da Madras a Cambridge, e così ebbero inizio un'amicizia e una collaborazione tra le più singolari nella storia della scienza. Il giovane indiano, sotto la guida di Hardy, concepì teoremi e congetture che sbalordirono il mondo scientifico e che avrebbero avuto sorprendenti applicazioni, a decenni di distanza, in settori come la chimica e l'informatica. Dopo sette anni, tuttavia, Ramanujan, lontano dalla famiglia e dalla patria, si ammalò e tornò in India solo per morirvi.

    Verifica disponibilità